Elvezio Picchi

Elvezio Picchi

Molto spesso chi si avvicina alla nostra associazione lo fa perché colpito direttamente o di riflesso da terribili malattie del sangue.
Alcuni lo chiamano “il mostro”.

Non è il mio caso. Un lungo viaggio comincia con un piccolo passo.
Da donatore di sangue mi chiesero di diventare anche donatore di midollo osseo. Poi aprimmo la sezione ADMO della mia città.
Piccoli passi….

Mi sono lasciato trasportare dagli eventi, come se fossero ineluttabili. Lentamente mi sono reso conto della grandezza del donatore di midollo osseo e della necessità che c’era di trovarne sempre uno di più.

Piccoli passi… Dal 2016 sono il presidente di ADMO Marche, un’associazione che attraverso l’attività incessante di promozione e informazione, ha iscritto al Registro Nazionale 8200 giovani dei quali 76 hanno effettivamente donato.
Le nostre 15 sezioni, distribuite sul territorio regionale, organizzano ogni anno decine di eventi per informare la comunità che, dopo cicli di chemio e radioterapia, c’è ancora speranza per chi è malato di leucemia, linfomi, mielomi, talassemia.

La speranza è riposta nel cuore dei nostri giovani iscritti.
Operiamo in stretta sinergia con il Registro Regionale e le sue ramificazioni, Centri Donatori e Poli di Reclutamento. Collaboriamo con tutti i Centri Trasfusionali con il Centro Regionale Trapianti e il Centro Regionale Sangue. Siamo Onlus riconosciuta dalla Regione Marche con la quale abbiamo un confronto proficuo e costante.

Abbiamo stretto accordi con associazioni importanti come AVIS e cooperiamo con altre realtà come AIL, AIDO, CRI, Croce Verde. Spesso le nostre attività ci vedono al fianco di aziende, università, scuole, società sportive, circoli culturali, comuni, fondazioni, privati cittadini.

Tutto ciò con un solo obiettivo: aumentare il numero dei potenziali donatori da iscrivere al Registro.

Quello che mi auguro è di poter chiudere la nostra associazione: significherà che abbiamo battuto “il mostro”!

In attesa che questo sogno si avveri lavoriamo per dare speranza. Abbiamo bisogno di risorse sia economiche che umane. Un piccolo contributo di tempo per noi significa molto. Reclutare nuovi potenziali donatori è importante come lo stesso gesto della donazione. Entrambi servono a dare la speranza di riaccendere una vita che si sta spegnendo. Entrambi servono a combattere e sconfiggere “il mostro”!